tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

IL TEMPO - Max Loy - ************************************************************************************* Il tempo è indifferente e costante, scorre sempre allo stesso modo; secondo dopo secondo, così come scendono i granellini della clessidra. Il tempo è lieve, non ha materia e non si sente .... ma c’è!

mercoledì 9 dicembre 2009

Devi andare dai ricchi - dal libro "Sea life"




Devi andare dai ricchi.

(...) Ha l’aria di uno che non è convinto. Gli chiedo - che c’è?- Questo non gli sembra il posto giusto per il mio lavoro - devi andare dai ricchi - dice.
Ma che bella scoperta, penso - e dove stanno i ricchi?- chiedo, con tono scettico mentre penso “rieccoci con la solita solfa che da trent’anni ripete il ritornello: non qui, ma più in là”
- devi andare all’hotel Four Seasons a Sharm, dieci minuti da quà, è il quarto hotel del mondo, ospita gente importante, ci va in vacanza anche il presidente Mubarac. Un artista italiano ha credito qui in Egitto -
Io non so cosa pensare... come mi potrei proporre?... e poi...ammesso che.. ... poi vorranno sicuramente soldi e tanti... e se fosse davvero il posto giusto? Ma poi come mi muovo, non so neanche comprarmi una scheda telefonica... e poi perchè proprio qui in Egitto e no, che so, a Milano o a Firenze, che è dietro casa?
Mi gratto la testa: questo mi pare proprio un bel grattacapo, sento in agguato la crisi depressiva, posso prevedere tutte le fasi che attraverserò: non mi risparmierò niente, mi getterò a capofitto nell’esplorazione di questa astratta possibilità e la mia mente girerà a vuoto fino al surriscaldamento ed al corto circuito, mi verrà il mal di testa, il torcicollo e avrò la luna di traverso e sarò di un pessimismo nero per due giorni, il terzo giorno mi guarderò allo specchio e mi dirò - ma sei stronzo?- e allora sarò guarito. Però non avrò concluso niente.

E così è, parlando entriamo nei dettagli, io gli faccio un sacco di domande e lui mi risponde con pazienza facendomi uno spaccato dello standard di vita a Sharm, indicandomi le opporunità commerciali che potrei considerare fino a farmi intendere d’essere disponibile all’idea d’una collaborazione.
Ascoltandolo parlare calmo e con cognizione di causa le cose non sembrano tutto sommato tanto difficili. Lui insiste nel sottolineare che io, come italiano ho un credito da spendermi e mi porta vari esempi di italiani che hanno fatto fortuna quaggiù.
Quando mi alzo per andare a cenare ho la consapevolezza d’aver dato un fatale morso alla mela proibita, la mia mente è stata catturata.
A tavola rimugino, non so neanche cos’ho nel piatto. Chissà quale specialità mi son perso. Rivedo Amghed, mi passa accanto senza notarmi, va ad un tavolo in fondo alla sala e si unisce alla compagnia dei suoi collaboratori. “Il business...” penso, l’hotel Four Seasons... Moudy, il Cairo, la Sardegna, la Svizzera.... dove si sono nascosti questi diavoli di ricchi?... e Orler? che fine ha fatto Orler?
Ritorno verso il mio studio per vedere se c’è gente e ritrovo Hany che fa nottata nel suo negozio per accelerare le operazioni d’allestimento. M’informa che poco fa c’erano degli inglesi che guardavano i miei lavori. Gli dico - ma se riuscissi a metter base in questo benedetto hotel delle quattro stagioni tu potresti gestire la cosa per i periodi della mia assenza?-
- Stai pensando ad una società?- mi domanda con naturalezza.

La parola “società” mi fa un brutto effetto, mi vengono in mente i notai, le frodi, la bancarotta e i tribunali. E poi io sono un anti-sociale. Però, in effetti, ha espresso bene il concetto: stavo pensando ad una società.
Ci devo riflettere un po’ su, molto più di un po’:
- la notte porta consiglio - rispondo
- anche noi diciamo così - commenta di rimando lui
- ok, buona notte Hany -.




Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.