tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

lunedì 7 dicembre 2009

DAY by DAY - dal libro "Sea life"


Sono le dieci di sera e scrivo seduto nella mia postazione qui su, nella pagoda che affaccia sulla piscina illuminata e sul bar dove ogni sera una manciata di persone si intrattiene in attesa di un’ora più tarda per chiudere il giorno. Ho dipinto fino a poco fa, stagliato contro il buio del deserto che inizia dieci metri da me, oltre il muro di cinta del villaggio. La dimensione surreale ed incantata di questo esser qui, separato e in vetrina, intento a dipingere e a caccia di sogni è veramente quanto di meglio dal punto di vista scenografico ed è per me stesso uno stimolo efficace.

Ma è una ostinazione venire a lavorare quassù, mi piace troppo, però devo ammettere che invece è il posto più sbagliato che potessi trovare: la mattina tira un vento da surf, il pomeriggio è brezza, ma vigorosa e incostante ed è sempre problematico versare in leggeri piatti di plastica i colori in polvere. Volano questi e quelli e corro costantemente il rischio che mi finisca tutto addosso. Poi c’è la tela sul cavalletto, ho provato a legare il cavalletto alla balaustra, ma la tela non sta ferma, sventola proprio quando accosto il pennello e... buonanotte!

Tuttavia, se sono costante, posso anche godere di un’oretta di calma. Accade verso mezzogiorno quando il vento gira e invece che dal mare prende pian piano a soffiare da terra o da altre direzioni imprevedibili. In questo breve spazio di tempo devo essere per forza ispirato e rapido. Cioè ho bisogno della massima concentrazione.

Ma è proprio allora che gli altoparlanti dell’ animazione attaccano ad un volume strepitoso i ritmi più indiavolati ed ossessivi. Parte anche la piccola cascata che ho accanto e che, non parrebbe, ma fa un rumore assordante.

Se riesco a sopportare tutto questo, sotto un sole che picchia a perpendicolo e che fa rimpiangere il vento, devo arrendermi alla folata improvvisa che fa volare tutto di sotto.

Mi fa una rabbia questa congiura di cose che rende vana ogni strategia possibile e che mi nega un’opportunità così bella!

Ho cercato di sistemarmi in tutti i modi, anche in altri posti, ma c’è sempre qualcosa che non va... il sole.. il vento.. il rumore... la scomodità. Così ho finito per dipingere in camera che non è la cosa giusta.

Quando penso ai salti mortali che ho fatto per vivere contro corrente, mi viene da sorridere di simpatia per questa mia vita paradossale che in ogni tempo, come qui in Egitto, mi ha visto sempre impegnato a trarre rape dal deserto.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.