tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

sabato 2 gennaio 2010

E' morto l’Uomo Pietra! - da "Costa dei fiori"



E' morto l’Uomo Pietra!

E se non è morto starà sdraiato da qualche altra parte a smaltire una sbornia.

Era sempre li, non si sapeva se vivo o morto, sotto il sole delle due con quaranta gradi all’ombra, a non far niente per tutta l’estate, stravaccato su una seggiola sgangherata, col ventre prominente in bella vista e la testa leggermente inclinata di lato, per quanto gli consentiva la mobilità del collo da macellaio, incassato nel tronco primordiale come un megalite di Sciola.
Era incredibile, faceva concorrenza spietata a Venc., non faceva un cazzo molto meglio di lui, con uno stile insuperabile: non si muoveva neanche, stava immobile senza batter ciglio immerso nelle sue profondissime meditazioni per intere stagioni, roba da non credere!
Il suo tugurio è sulla statale che porta alle spiagge, sulla via che percorro tutti i giorni e anche ora che è sparito, quando passo di là allungo lo sguardo per cercarlo, tanto mi sembra impossibile la sua assenza:
se anche le pietre muoiono e scompaiono che ne sarà di tutto il resto?

Un altro che non fa un cazzo magnificamente è un omino triste che vive accanto al porcile di Venc.
Li raduno tutti qui, in questo paragrafo perché si facciano buona compagnia e non rompano i coglioni nel resto del libro che è denso di attività.
Lo incontro quando vado e vengo con la macchina: se ne sta sul ciglio della strada a fare niente e a volte lo trovo di spalle che guarda la base di un muro: ”forse sta osservando una lucertola” penso con indulgenza, ma no, non c’è nessuna lucertola. Tiene in mano un bastoncino e ogni tanto lo muove un po’ su e un po’ giù, un po’ su e un po’ giù, con l’aria depressa di una mente che non pensa.

E allora, visto che il mondo è pieno di gente che non fa niente e campa lo stesso, perché devo lavorare io? Proprio ora e con questo sole?
Approfitto dell’occasione speciale di questo capitoletto, mollo tutto e me ne vado in canoa: non concludo un cazzo come i miei amici di sopra, ma almeno mi diverto.





Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.