tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

lunedì 16 novembre 2009

Ancora guardo - dal libro "Destinazione Itaca"






Ancora guardo


Ancora guardo, come è ovvio vedo le solite cose e questo anche se non è granché stimolante, rasserena l’anima che chiede continuità.

Se tolgo gli occhiali vedo contorni sfumati, perdo i dettagli, non distinguo le fisionomie ma i colori, le forme e le luci lasciano più margine all’immaginazione che prende il mondo a pretesto per inventarne un altro.

E se provassero a togliersi gli occhiali… non sarebbero più felici gli uomini?

Accade poi che con lo sguardo ci si volga intorno distratti dal nostro pensiero latente. L’occhio guarda lontano, evita le evidenze opprimenti, indaga le cose minime che increspano la superficie, in distanza, poi torna a meditare sulla direzione dei passi, sull’asperità del terreno, sulla strada da prendere, sulle soste, sulla polvere. Nell’incertezza, nel dubbio che sempre ci accompagna ci è amico un cartello stradale ed ogni scritta che voglia comunicarci qualcosa che sia ponte tra noi e l’ambiente, presenza, ologramma di altri passaggi, di altre storie, di altri passi.

Ci attrae il movimento, ciò che cambia abitudine e dimora: ci si volta per un suono, siamo attenti ai rumori lontani, da decifrare, alle voci. Altre ne sentiamo dentro, indecifrabili.

Cerchiamo fuori la risposta alla domanda che ci urge dentro mentre viaggiamo sulla rotta per Itaca.

Ed io lascio spazio a questo errare vagabondo dello sguardo, lascio che si affatichi nelle distanze, che penetri i dettagli del presente, soffermandosi ad ispezionare con mano la porosità del colore, la linea di frattura della vernice, l’irraggiarsi delle crepe che son segni di terra, oroscopi dello zodiaco, lascio che s’incanti per il trascolorare del giallo nell’arancio, nel rosso, nel violetto e nell’azzurro, come davanti al tramonto sul mare.

Ora, sdraiato sulla sponda del mare, guardo gli scogli, tocco la sabbia, scavo col piede la ghiaia che borda la riva, dove miliardi e miliardi di tessere dai colori più vari inventano mosaici che non si ripeteranno mai e che registrano l’impronta di un passo, i miei passi verso Itaca a sera.


C’è una nave ferma in mezzo al mare, il suo equipaggio guarda verso terra: da un capo all’altro del mondo, su opposte rotte, le attese s’incontreranno all’infinito, sulla linea curva di un orizzonte.




Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.