tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

lunedì 3 dicembre 2012

Perchè comprare un quadro

"L'opera d'arte è un’esplorazione della propria intimità, delle proprie riflessioni, un passaggio dell’anima in cui si condensano tutti i sentimenti, le passioni momentanee e quelle passate. Ma anche la rappresentazione più evidente e nascosta del mondo in cui viviamo.


Tra le tante motivazioni che possono indurre una persona all’acquisto di un’opera d’arte vi è spesso in maniera palese o sottintesa la necessità, al pari dell’artista, di rendere oggettiva un’emozione, di rendere concreto ciò che concreto non è, di renderlo riproducibile, sperimentabile, intelligibile, di rendere il sentimento in essa espresso eterno e perciò trascendente, liberato dagli angusti limiti di spazio e di tempo. Il nascosto desiderio illusorio di possedere la facoltà di essere padroni delle proprie emozioni e quindi, enfatizzando, di considerarci signori della propria esistenza.

 
Un’altra motivazione potrebbe essere munirsi di una finestra sull’ignoto, sulla sensazione strana del dejà vu, un’immagine, un soggetto che ci interpella, ci interroga introducendosi attraverso il linguaggio dell’inconscio. Un richiamo all’essenziale, al compiuto, alla “terra promessa”; oppure al possibile, al mai immaginato, all’inquietante mistero del diverso da sé. Una porta d’ingresso della realtà capovolta ma inspiegabilmente uguale a quella già conosciuta, uno spiraglio nell’identico a te eppure estraneo. Un’esperienza di conoscenza.
 
 
Una diversa spinta all’acquisto di una creazione artistica può essere data semplicemente dal richiamo estetico: l’amore per il bello. E’ il volersi circondare, fin dove si può, di bellezza, di armonia, di ordine per rendere la propria quotidianità più rasserenante e soddisfacente perché somigliante al nostro bisogno intimo di accoglienza e meraviglia. Questo approccio è istintivo, non mediato dall’intelletto. Qui le sensazioni, i sentimenti che le forme e i colori suscitano raggiungono istantaneamente, come la freccia di Cupido, il centro, il cuore. Qui l’opera artistica innamora di sé, intriga, seduce. Nell’acquistarla e volerla per sé si prova la gioia di poterla fruire gelosamente, di godere in esclusiva delle promesse segrete che solo chi la possiede può avere. Qui è il dialogo silenzioso della contemplazione che s’impone. 
 
 
Ancora: si può acquistare l’opera d’arte per collezionismo, per amore della propria cultura, per il gusto di essere presenti nel mondo delle più alte espressioni umane del pensiero. Magari per filantropia, con la nascosta intenzione di poter essere benemeriti nel rendere poi disponibili ai più la propria preziosa e singolare collezione, confidando in segreto di non cadere così nell’oblio.
 
 
Oppure, più venalmente, per voler investire il proprio denaro, attribuendo perciò al capolavoro principalmente la funzione di bene rifugio, intuendo, con la propria sensibilità critica, il futuro apprezzamento sul mercato dello stesso. In questo caso, pur essendo necessariamente presente una profonda conoscenza ed apprezzamento per l’arte, l’oggetto acquistato si “cosifica”, viene preso in considerazione principalmente come raffinata “merce di scambio”; il capolavoro qui non ha una essenza propria assoluta, ma acquista valore solo in relazione al mercato, e tale misurazione è quantificata numericamente, aridamente con il prezzo. La quotazione diventa il metro per la valutazione sintetica del valore di un’opera. Individua il prezzo presumibile di scambio sul mercato, secondo le condizioni vigenti in quel momento. 
Tale motivazione all’acquisto, benché oggi assai diffusa, è forse la più lontana dalle intenzioni del creatore dell’opera e per questo può tradire il messaggio originario, che è parola di libertà e diritto di legittimità assoluta.
 
m.f.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.