tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

sabato 16 luglio 2011

Sogni ricorrenti


….Il dubbio pare messo all’indice come
incostituzionale, dà noia, la scienza spiega la vita
con i criteri dell’ovvio.

E i “segni dei tempi”?.... Nessuno che legga i segni
dei tempi con sguardo profetico? No, va alla grande
la tendenza ad aspettare che le cose si ingarbuglino
prima ben bene da sole e ci trascinino poi, come
macine legate al collo, sott’acqua, nel mondo
capovolto di Alice dal quale provengono stravaganze
e scandali, tutte strade senza via d’uscita che Luca
conosceva così bene: incubi.

Luca, irrequieto e strano sentiva sulla pelle questa
paradossale tragedia che toglieva smalto al suo
umorismo: sperimentava in proprio ogni notte le
conseguenze deleterie della disattenzione e di
giorno vedeva annegare troppe formiche in una
goccia d’acqua e legni vagare all’infinito sul mare,
inconsapevoli per sempre della profondità.
E poi c’era anche un altro sogno ricorrente nelle sue
notti cinematografiche, un sogno senza finale, una
premonizione di pericolo che metteva urgenza, ma
dove tutto cominciava nel migliore dei modi, con una
giornata limpida d’estate.

Luce azzurra del mattino, sole, aria … ed il mare.
Lui passeggia sulla riva tra i bagnanti che affollano
la spiaggia.
L’atmosfera è serena, festosa.
Ma in breve qualcosa cambia, è un incomprensibile
presagio, un fiato leggero che penetra ovunque. La
gente diventa nervosa, gesticola esageratamente,
ride troppo, i giovani giocano a palla sulla battigia
con eccessivo accanimento ….



Lui guarda il mare: non è più calmo, una brezza lo
rende effervescente, schiumoso, bellissimo,
inquietante. In breve diviene agitato. Ma non è un
fatto normale, sta accadendo qualcosa
d’incomprensibile, di minaccioso, di affascinante ….
Si levano onde sempre più alte, barriere d’acqua
che si frangono sulla riva ed allagano.
Nessun rumore:
un innaturale silenzio, un film senza sonoro.
Ma perché la gente non si allontana?
Perché non si mette al sicuro più all’interno, perché non va via?
Si chiede.
Pare che nessuno si accorga di nulla.
L’acqua invade la riva con impeto e ritorna al mare
con vortici irresistibili: consuma la spiaggia …
e la gente è ferma, inconsapevole e distratta.
Il mare sta diventando creatura, un incubo
meraviglioso, l’acqua è profonda, viva,
trasparente  ... che incanto … che mistero …

onde messaggere di arcani vengono da luoghi che hanno

echi nella memoria.
E la tensione cresce (è prossima l’alba del sogno), le
onde giungono a gruppi di tre, di sette ….
Ma ecco che all’orizzonte, lontana, tremula nel
vapore del mare, si staglia su un cielo di una notte
che cede al giorno, una grande onda solitaria che
avanza veloce dall’oceano, crescendo su se stessa
ad ogni istante.
È lontana e già incombe …. e la gente è ancora tutta
lì, non vede … gioca, litiga … non capisce.
Inutile per Luca gridare.
Guarda, è spettatore.

Non è la vertigine dell’onda che lo spaventa, ma
l’abisso del mare che la porta, l’abisso che tutto
contiene, che scioglie nel suo elemento
ed inghiottirà anche quest’ultima spiaggia che già si
consuma dissolvendosi come sogno.
Presto tutto sarà acqua …. presto tutto sarà mare … e
nessuno comprende, nessuno se ne accorge …


Tratto dal libro di Max Loy "La casa del padre"

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.