tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

lunedì 10 gennaio 2011

L'arte: lo spazio comune del Divino.

«Dio è una sfera infinita, il cui centro è ovunque e la circonferenza in nessun luogo» (Il Libro dei XXIV Filosofi). La definizione – che rimanda ad una consolidata tradizione che prenderebbe origine da Aristotele – vede, per analogia, Dio come una sfera, simbolo di totalità: quindi uno spazio perfetto e compiuto
L’uomo – se vuole partecipare alla spazialità sacra – deve entrare (o rientrare) in questa  dimensione di totalità. Lo spazio mistico, misterioso e trascendente.


Per i moderni psicologi-analitici è il processo di individuazione, la cui meta è lo spazio del divino: lo spazio trans-personale e infinitamente finito del Sé. In questo percorso l’uomo dovrà necessariamente sperimentare la curvatura. Solo così potrà entrare in quello spazio particolare – circoscritto ed infinito nello stesso tempo (è il linguaggio della complexio) – che coincide, in tutte le tradizioni simboliche, con lo spazio nel quale è possibile  comunicare con il mondo divino. Va da sé che la citata via della curvatura è sempre segreta e riservata in quanto non tutti sono in grado di percorrerla: per le difficoltà – se non altro psicologiche – che implica la particolare disposizione d’animo per iniziare il cammino. Il vero sapere non è un diritto acquisito e neppure è il frutto di una scelta democratica.

Il primo livello di questa progressione è sicuramente intuitivo.
Si potrebbe ipotizzare che uno dei primi luoghi in cui il rito ha svolto la sua funzione sia stata la caverna che – come  uterus mundi – rimanda alla presenza (e alla potenza) di una divinità materna a cui l’uomo soggiace. L’inconscio che viene evocato rimanda ad una situazione emotiva, passionale e sensibile che esprime la dimensione pericolosamente uroborica.


Tuttavia, nella caverna sono presenti – seppur ad uno stato latente – i presupposti per l’acquisizione (che si realizzerà  in un lento progresso) di un maggior livello di coscienza: un livello «che riflette una legge interiore ordinatrice la quale, al pari dell’istinto, è depositaria di un sapere superiore più forte addirittura della paura. Questa acquisizione coincide con il passaggio all’esterno: con l’abbandono delle cavità e con l’uscita alla luce del sole.


Sicuramente, è un passaggio in cui l’uomo raggiunge un più elevato grado di coscienza,  ancorché in uno stadio ancora incompiuto. Segna un passaggio epocale in cui all’intuitivo-primordiale del materno si unisce la spinta propulsiva verso l’alto del  cielo-sole-padre-coscienza.

Si giunge, infine, allo spazio templare vero e proprio.  Esso s’innalza dal buio materno-naturale-uroborico-intuitivo alla luminosità solare del cielo delle verità.


Il secondo livello è avere consapevolezza che lo spazio divino viene  offerto all’uomo affinché il divino possa oggettivarsi. Infatti anche il divino deve necessariamente umanizzarsi, per incontrare l’uomo. Per questo lo spazio del divino si è trasformato per consentire all’uomo il rispecchiamento di sé. E’ un rispecchiamento che dà all’uomo la possibilità di acquisire una stabilità psicologica tale da contrastare, almeno parzialmente, il dominio della forze istintuali e primordiali della Natura, e di costruire un significato per la propria esistenza non più legata al contingente.


Così l’uomo divenuto soggetto autonomo sentirà di doversi innalzare sempre più verso il cielo trovando nel divino una omologa e speculare rispondenza. L'ordine è ciò che dà senso al vivere, indirizzandolo e contestualizzandolo in qualcosa di non legato al presente. L’ordine è la prova stessa del divino.


Ma l’autonomia dell’uomo e la libertà può condurre facilmente alla sua laicità. L’uomo non si rapporta più, se non marginalmente, con il divino ma solo con gli altri uomini. Il divino è confinato sempre più in alto nei cieli dell’astrazione teologica. Da questo momento, la mancanza del divino negli spazi abitati dall’uomo genera la paura. È la paura che Dio non ci sia più: che non abiti più  le regioni dell’uomo. È l’assenza della presenza che fa sì che la paura assuma le più varie connotazioni. È la paura della contaminazione sociale che può nascere dalla mescolanza di gruppi diversi, non più amalgamati.


Né è conseguenza un panorama lugubre, desolante e inquietante: spazio dove né il divino né il bello hanno più dimora e dove l’uomo può perdere la libertà, la dignità e persino il proprio Io e regredire a condizioni pre-umane.   


liberamente tratto da

LE METAMORFOSI DELLO SPAZIO: IL DIVINO E L’UMANO
di Claudio Bonvecchio