tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

domenica 19 settembre 2010

Opportunità


Metafore
Massimo ormai conosceva la differenza tra l’approssimazione e l’esattezza delle metafore. Conosceva, per esempio, le implicazioni di questa differenza. Dentro gli spazi lasciati aperti dall’approssimazione, aveva constatato, ci si poteva infilare di tutto, come aveva visto fare tanto spesso in funambolismi deliranti.
Massimo non voleva fare più discorsi inutili e, giustamente, non voleva più sentirseli fare. Per esempio riteneva inutile giocare una partita senza regole e d’altra parte sopportava ancor meno le regole che si moltiplicavano senza contemplare una partita.
“Un obiettivo prima di tutto” ragionava “…. e un metodo” Il resto veniva da sé. Questa per lui era la logica.
L’obiettivo era “orizzontarsi”, il metodo lo stile scientifico. Le tappe erano, nell’ordine: consapevolezza della complessità, umiltà, ascolto, Dio.
Così detto in due parole.
…..
Cos’era e cosa non era lecito: il chiodo fisso di tutte le questioni che si trovava tra i piedi o che si andava deliberatamente a cercare e che ammucchiava irrisolte e sempre più alla rinfusa in un magazzino ormai troppo ingombro di argomenti sfusi e frammentati.
Con tutto questo arsenale aveva costruito i quadri dell’ultima generazione: “Dextra et sinistra pars mentis” cioè il cervello con le sue prerogative e specializzazioni, e l’elaborato del cervello, il pensiero.
…..

Questi quadri erano belli, interessanti, stimolanti e rappresentavano una dannata ed esasperante opportunità d’impegno in quanto da sempre andava dichiarando convinto l’equivalenza metaforica del binomio ARTE-VITA. … Dunque, quale migliore opportunità per lui di investigare il nodo esistenziale del Presente giocandosi la partita in casa, mettendo ordine nella parte destra e in quella sinistra della sua testa d’artista, attraverso l’espediente formale dell’arte astratta?
.
Tratto dal libro “IL PRESENTE” di Max Loy