tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

lunedì 18 febbraio 2013

Il mio biglietto da visita


Secondo me

        Sono persuaso che gli interlocutori di un artista non siano mai stati reperibili nel “sistema”.
Vedo interazioni, sollecitazioni indirette, ma non una vera attenzione reciproca. Non si può considerare un interlocutore adeguato “il sociale”, non è l’economia, non è la scienza, non è lo sport e non è nemmeno la religione che ha sempre considerato e considera tuttora l’arte uno strumento didascalico, utile per i propri scopi.
Ma chi è un artista? Cos’altro cerca in un mondo che sembra ormai avere tutte le risposte allineate sugli scaffali del supermercato mondiale dell’informazione on line?
Internet, una dimensione sovrabbondante rispetto alle possibilità esplorative del più esigente ricercatore, ma che nasconde il limite delle colonne d’Ercole del sistema uomo.
Oltre quel segno il mondo finisce, ma è impossibile arrivare fin là.
L’informazione non è comunque  la priorità dell’artista, che non si muove in questo ambito, non è interessato a nessuna delle notizie in commercio, può stimolarlo un certo tipo di domande, a livello culturale prende visione anche delle risposte, ma fin dall’inizio e in conclusione cerca unicamente un’esperienza profonda e personale che divenga ponte tra sé e un misterioso interlocutore sottinteso, che è modalità tipica ed esclusiva del rapporto d’amore.
Poi, se si vuole essere esatti, e l’arte è esattezza, è giusto dare le generalità di questo partner che, altrimenti, rimane idea vaga che confonde.
Allora dico subito che intendo la vita.

Ma cos’è la “Vita”?....Chi è?

Scartabello tra le mie scartoffie che raccolgono una quantità modesta, ma selezionata d’informazioni e trovo una frase che fa al caso:

“Io sono la Via, la Verità, la Vita

Firmato: Dio.
Bene, così sappiamo di chi stiamo parlando

        Il rapporto d’amore contempla un caleidoscopio comportamentale infinito ed infatti infinite sono le tipologie dell’Arte, però esiste in questo infinito una linea di discrimine, un punto di partenza o di non ritorno che segna la direzione di questa straordinaria avventura. Forse più che un segno tracciato sul suolo è una modalità, una legge ineludibile che stabilisce il canone del linguaggio: il triangolo.
Non sto parlando di dissolutezze erotiche, voglio dire che l’artista non ha voce, né verità, né bellezza se, al momento di comunicare l’esperienza unica della sua vicenda amorosa non è passato attraverso il satellite degli “Universali”: un triangolo, roba sacra e misteriosa come le piramidi… come la Trinità.
Naturalmente il mondo se ne strafrega delle storie d’amore, a meno che non sia roba che possa dare scandalo il che, chiaramente, non ha niente a che fare con l’Arte. Rizza le orecchie all’idea del “triangolo” per vendere pornografia.
Dentro l’ambivalenza del “mistero uomo”, in quell’intervallo costituito dal lungo cammino d’emancipazione e d’individuazione d’identità trova spazio una provvisoria convivenza con il mondo che mette a dura prova il discernimento in contesti sempre relativi. Sta scritto: “grano e zizzania cresceranno assieme fino alla mietitura”, secondo la pazienza di Dio.
Ma quando l’arte si schiera apertamente e, senza indulgenze, ammiccamenti e doppi sensi rende la propria testimonianza, il mondo gli sbatte su due piedi la porta in faccia.
Così l’artista autenticamente impegnato nella missione in cui crede è destinato da sempre all’emarginazione ed a portare da solo l’esaltante e onerosissimo peso di un segreto vertiginoso.


“Il padrone di un campo vedendo degli uomini oziosi seduti in piazza disse: - andate a lavorare nella mia vigna, poi quanto è giusto, ve lo darò. -“

       Il mio antidoto contro la depressione è il lavoro: io lavoro sempre, continuamente e non stacco mai la spina perché non posso e non voglio.
Lavoro a tutte le ore del giorno e della notte, tutti i giorni dell’anno e per 56 giri della terra intorno al sole non mi sono mai concesso una vacanza. Il mio lavoro è pensiero in primo luogo, in secondo comunicazione.
Sono un artista, uno dei tanti, preso ancora bambino tra quegli uomini che oziavano in piazza. Lavoro sereno, certo degli accordi di ingaggio, in attesa di ricevere da Dio, alla scadenza del tempo, quello che è giusto, senza fare commenti.
Ho atteso con impazienza di raggiungere questa età per due motivi: il primo è che lavorare stanca, il secondo è una questione di decenza: non si può chiedere lo stipendio il primo giorno d’impiego. Non voglio dire con questo che il mio giorno lavorativo sia finito, non sto pregustandomi una pensione che non è mai stata contemplata quale traguardo. Lavorerò fino all’ultima ora, è chiaro. Intendo altro.
I segni dei tempi e l’ora del giorno li calcolo dalla corsa del sole ed ora che il suo arco è più basso sull’orizzonte, dove ho sempre l’occhio in attesa, ora che la luce aranciata ammorbidisce i contrasti del mondo, capisco che è l’ora propizia per completare il lavoro di questa lunga giornata, per non arrivare impreparato e trafelato a sera.
Cosa che non mi piace.
Amo l’ordine e le cose compiute: una bella e netta parabola, da li a là. Basta.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.