tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

domenica 18 marzo 2012

Per essere un artista



Non v’è che un mezzo. Guardare dentro di sé. Interrogarsi sul motivo che intima il ricorso all’arte; verificare se esso protenda le radici nel punto più profondo del nostro cuore; confessare a noi stessi: soffriremmo, se ci fosse negata l’Arte? Questo soprattutto: domandiamoci, nell’ora più quieta della  notte: devo creare? Frughiamo dentro di noi alla ricerca di una profonda risposta. E se sarà di assenso, se potremo affrontare con un forte e semplice «io devo» questa grave domanda, allora costruiamo la vita secondo questa necessità. La vita, fin dentro la nostra creazione più indifferente e misera, deve farsi insegna e testimone di questa urgenza. Allora  avviciniamoci alla natura. Allora cerchiamo, come un primo uomo, di dire ciò che vediamo e viviamo e amiamo e perdiamo.

Perciò rifuggiamo dai motivi più diffusi verso quelli che ci offre il quotidiano; descriviamo le nostre tristezze e aspirazioni, i pensieri effimeri e la fede in una bellezza qualunque; descriviamo tutto questo con intima, sommessa, umile sincerità, e usiamo, per esprimerci, le cose che ci stanno intorno, le immagini dei nostri sogni e gli oggetti del ricordo. Se la giornata ci sembra povera, non accusiamola; accusiamoci invece, diciamoci che non siamo abbastanza poeti da evocarne le ricchezze; poiché per chi crea non esiste povertà, né vi sono luoghi indifferenti o miseri. E se anche ci trovassimo in una prigione; le cui pareti non lasciassero trapelare ai sensi i rumori del mondo, non ci rimarrebbe forse la nostra infanzia, la nostra giovinezza, quella ricchezza squisita, regale, quello scrigno di ricordi? Rivolgiamo lì la nostra attenzione. Cerchiamo di far emergere le sensazioni sommerse di quell’ampio passato; la nostra personalità si rinsalderà, la nostra solitudine si farà più ampia e diverrà una casa al crepuscolo, chiusa al lontano rumore degli altri. E se da questa introversione, da questo immergersi nel proprio mondo sorge l’arte, allora non ci verrà in mente di chiedere a qualcuno se sia una buona creazione. Né tenteremo di interessare le riviste a quei lavori: poiché in essi vedremo il nostro caro e naturale possesso, una scheggia e un suono della nostra vita. Un’opera d’arte è buona se nasce da necessità. È questa natura della sua origine a giudicarla: altro non v’è.


Nulla può toccare tanto poco un’opera d’arte quanto un commento critico: se ne ottengono sempre più o meno felici malintesi. Le cose non si possono tutte afferrare e dire come d’abitudine ci vorrebbero far credere; la maggior parte degli eventi sono indicibili, si compiono in uno spazio inaccesso alla parola, e più indicibili di tutto sono le opere d’arte, esistenze piene di mistero la cui vita, accanto all’effimera nostra, perdura.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.