tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

ESPRIMERE L'INESPRIMIBILE - Max Loy - Pensiero ed opere



Rassegna di 120 opere, con introduzione alla poetica dell'autore



Il linguaggio pittorico è sempre stato il mezzo privilegiato per comunicare contenuti complessi in modo subliminale. Io ne faccio uso con intento pedagogico e con responsabilità, consapevole di svolgere un’importante missione etica: sollevare gli sguardi da terra per portarli lontano, nel blu oltremare, sulla sottile linea dell’orizzonte che separa la terra dal cielo, la materia dallo spirito, l’effimero dall’eterno.
Lo faccio giocosamente, con stravaganze colorate che catturano l’occhio e arredano le pareti delle case, ma che sono il distillato di sofisticate alchimie e il punto d’arrivo di una lunga ricerca.

martedì 3 gennaio 2012

Il bravo pittore Max

Apro il baule dell’auto per prendere i due quadri che riporto dal Flamingo. Faccio questa spola spostando le cose su e giù per variare le mostre.
Come sempre ho le mani piene: chiavi, astuccio, costume, scheda, quaderno in una mano e con i due pannelli nell’altra, tento di richiudere lo sportello, in alto, sopra la mia testa. Faccio strane contorsioni in punta di piedi usando muscoli impropri ed articolazioni inedite, ma poco funzionali. Alla fine mi sbatto i due pannelli sui denti e mi faccio male. Non mi viene neanche da ridere.
Devo scrivere un libro su questa storia delle mani piene…. Ho già pensato al titolo: ”A piene mani.”

Bella giornata oggi, l’aria è fresca e mette voglia di fare ed io non perdo tempo. Vedo due mamme con relativa prole che conversano nella zona bimbi che si trova accanto al mio chiosco. Faccio due passi e un sorriso, poi rivolgendomi alla più carina dico - belle signore, siete arrivate da poco mi pare… - già ho toppato perché stanno per finire la settimana di vacanza e magari si saranno offese perché praticamente gli ho detto di non averle mai notate.
Faccio finta di niente e continuo - ..allora, per la cronaca, io sono il bravo pittore Max che fa, tra le altre cose, dei bei ritratti alle belle signore e ai loro bei bambini. Se la cosa vi piace organizziamoci in tempo perché mi serve tempo. –
- semmai al mio bimbo, perché io non sono soggetto da ritratto - risponde quella carina.
Quante ne ho sentite di queste risposte?.... 
- gentile signora - sorrido - lei mi vuole provocare ad un secondo complimento, ma io ne posso spendere solo uno al giorno. –
- e i ritratti ce li regala? – fa l’altra che forse ha voglia di civettare (sono sempre le brutte che ci provano)
- non me lo sogno neppure, sapete, sono sposato e se si viene a sapere che regalo i miei quadri alle signorine, mia moglie cambia serratura al portone di casa. –

Basta, mi è già passata la voglia di darmi da fare, meglio filarsela in canoa in mezzo al mare.
Così decido e così faccio, me la carico in spalla e facendo il solito slalom tra alberi e cespugli, varco il primo cancello.
Il secondo cancello è più complicato.
Nicola ha fatto installare un cannicciato a S che protegge l’ingresso alla spiaggia privata dalla curiosità degli estranei, e per passare di li devo fare un balletto di tre passi di qua e tre di là: una cosa carina. Devo usare destrezza, e altra ce ne vuole per raggiungere il mare passando tra lo sbarramento di brandine disposte in ordine sparso.
Ho visibilità solo sul mio lato sinistro perché il destro è impedito dall’ala gialla della canoa e con gran dispiacere devo rinunciare a buttare l’occhio dove non devo perché, il caso vuole, che tutto il ben di Dio che una gentil donzella è disposta a regalarmi con tanta inconsapevole generosità, sta proprio li, a destra e, più mi avvicino, più lo nascondo.
Quando si prega il Signore: ”libera nos a malo”, il Signore libera nos a malo e non ci resta che dire grazie.


tratto dal libro di Max Loy "Costa dei Fiori"

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.