tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

Le mie foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !





Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


Video in primo piano


Non posso star fermo, con le mani in mano, aspettando Godot: l'ispirazione è dono che va guadagnato col bussare alla porta. Senza ispirazione sono come un drogato in crisi d'astinenza, mi prende smania di uscire, devo camminare.

Porto con me il mio "taccuino di viaggio" (macchina fotografica e videocamera), con la speranza di un incontro. Cammino svelto, in fuga dalla noia, senza destinazione: praticamente ogni sentiero è stato percorso, tutti i porti sono stati raggiunti, la sazietà è diventata nausea.

Raschio il fondo della pentola, mangio bucce di patate e ad un tratto, mi raggiunge un miracolo, un riflusso d'infanzia. Mi fermo, mi faccio attento: in quel momento ha inizio la mia avventura.

Nei miei vagabondaggi cerco sempre qualcosa: una sintonia, un'inquadratura, la giusta prospettiva dalla quale guardare lontano, nell'altrove, verso una terra promessa. Vani i tentativi all'attenzione toponomastica, la nomenclatura mi ispira dispetto e ilarità: non mi serve a nulla, sui punti cardinali mi piace ragionare del Sud, senza sapere dov'è. So cosa cerco quando lo trovo.
Mi pongo domande, cerco di chiamare per nome quello che guardo: è una fatica che premia, come una scalata su roccia.

lunedì 18 aprile 2011

Pittura acrilica


La pittura acrilica è una tecnica pittorica nata in epoca relativamente recente. I colori sono prodotti con polveri colorate (pigmenti) mischiate con una resina acrilica di essiccazione variabile, generalmente veloce, a seconda delle resine, dei pigmenti e della fabbrica produttrice.
Vengono usati, oltre che per l'esecuzione di dipinti, per la decorazione muraria e quella degli oggetti più disparati, la loro buona resistenza unita alla  veloce asciugatura ne fanno un prodotto di largo uso.
Caratteristiche della pittura acrilica è la rapidissima asciugatura, facile stesura e la traslucidità una volta asciutti. Il difetto degli acrilici è quello di non permettere la tecnica della sfumatura, come viene eseguita nella pittura ad olio. Infatti, la sfumatura con gli acrilici avviene a tratti, a gradini permettendo il passaggio da un tono all'altro, oppure con successive velature di colore diluito che vengano stese su colore asciutto. I colori acrilici sono tranquillamente mescolabili fra loro e come diluente è preferibile semplice acqua, utilizzabile anche per cancellare, prima dell'asciugatura, parti di colore.
Caratteristica fondamentale dei colori acrilici, che li differenzia dalle tradizionali tempere, è la loro indissolubilità una volta asciutti.
Alcuni tipi di colori acrilici sono sensibili alla luce che li fa schiarire, tipo i colori rosso-violacei e blu-violacei, perché creati con pigmenti derivati da composti chimici organici fotosensibili, a questo fenomeno si ovvia con una lacca di resina acrilica con filtro UV che protegge tali colori.
Per gli altri colori non c'è bisogno di fissativo perché la resina acrilica che li compone li fa resistere alla luce e agli agenti atmosferici, smog compreso.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.