tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

IL TEMPO - Max Loy - ************************************************************************************* Il tempo è indifferente e costante, scorre sempre allo stesso modo; secondo dopo secondo, così come scendono i granellini della clessidra. Il tempo è lieve, non ha materia e non si sente .... ma c’è!

giovedì 17 marzo 2011

Il ritratto di Garibaldi: il mito dell'eroe.


Garibaldi, uomo concreto e perfino impulsivo, di temperamento naturalmente incline ai viaggi e alle fantasticherie, è l’uomo con piú segreti e misteri. Garibaldi risulta un personaggio con luci e ombre, virtú e debolezze, come ogni uomo impegnato in un’impresa titanica quale quella di voler unificare un Paese con tante identità diverse, e farlo con una guerra lampo, quasi messianica.
Garibaldi recava in sé impulsi diversi da quelli che un uomo comune avrebbe potuto accogliere dall’ambiente in cui era vissuto e dall’educazione ricevuta.
Forse la leggenda di Garibaldi contiene piú verità che la cronaca della sua vita. In particolare la sua permanenza in Sudamerica, che lo pose di fronte a situazioni di alto rischio in condizioni, spesso, di inferiorità numerica. Questa esperienza ebbe per lui un valore formativo enorme perché lo abituò al comando di elementi i più eterogenei, gli fece scoprire il grande vantaggio del fattore sorpresa e di una buona conoscenza dei luoghi, gli insegnò come ottenere i migliori risultati con i mezzi modesti di cui disponeva. Tra arrembaggi, agguati, sequestri di merci e scontri navali si venne costruendo la figura di un soldato-corsaro che, pur alieno da compiacimenti guerrieri, sotto il fuoco nemico si sentiva nel suo elemento naturale.
L'uomo che nell'immaginario popolare avrebbe un giorno preso i tratti del guerrigliero tutto impeto e coraggio era in realtà un soldato autentico: poteva anche acconciarsi nelle condizioni più difficili ai mezzi tipici della guerriglia, ma le aspirazioni e le prospettive erano quelle di un regolare nel quale però l'ideologia rivoluzionaria aveva sviluppato il senso della libertà come conquista collettiva e dovere morale comune.

Garibaldi è l’archetipo dell’eroe capace di imprese sovrumane che conserva intatti i tratti semplici della propria umanità. I valori suoi propri erano: la solidarietà con i popoli in lotta per l'indipendenza, l'umanitarismo, volontà di combattere il dispotismo, l'affermazione dei valori di libertà in tutti i campi, incluso quello religioso.  Accetta la guerra come un male necessario. Poteva essere temperata nei suoi aspetti più crudeli dalla pietà cavalleresca verso il nemico sconfitto e dalle qualità umane dei combattenti.

E’ un mito necessario e tuttavia problematico. Ma è il rispetto di miti come questo, per la sua memoria divisa, contrastata, plurale che si reggono l'identità e le sorti delle nazioni civili.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.