tutte le immagini dei quadri, delle sculture ed i testi tratti dai libri dell’artista sono © di Max Loy


..."Il raggio verde è una luce visibile per brevi secondi nelle chiare serate estive, subito dopo il tramonto del sole.

In metafora è qualcos’altro di più significante, una luce interiore che va cercata lì dove ha dimora: nel silenzio.



raccolta di immagini, testi e pensieri di Max Loy ...

e di quant'altro attinente alla sua arte

..........................Informazioni personali......................... M A X . L O Y

La mia foto
Studio: via Abbi Pazienza 14 – C.A.P. 51100 Pistoia cell. 3389200157 mail - info@maxloy.com

In these paintings of mine there are two different elements: colour and shape, casualty and organization, intuition and recognition. Two different types of music combining melody and a countermelody evoking the marvel of a stereophonic listening.


ACCOMODATI, SEI IL BENVENUTO !

****************************************

****************************************

Introduzione alla Sua arte

Esposizione virtuale delle opere di Max Loy.

“E’ così: ogni azione e ancor più manifestamente quelle dettate dal sentimento, affondano le radici in una regione misteriosa dalla quale ogni gesto assume un significato trascendente che è caratteristico della figura dell’uomo: egli trascende se stesso, così le sue azioni sono allegorie, immanenza e trascendenza insieme.

Questo è un mistero grande, l’unico.”

data inizio blog: 8 ottobre 2009


per gli inserti redazionali consultare

le PAGINE ALLEGATE


http://maxloy-itaca.blogspot.com/p/auguri-dalla-redazione.html


http://issuu.com/maxloy1950/docs/inseguendo_il_raggio_verde_libro

Video in primo piano

IL TEMPO - Max Loy - ************************************************************************************* Il tempo è indifferente e costante, scorre sempre allo stesso modo; secondo dopo secondo, così come scendono i granellini della clessidra. Il tempo è lieve, non ha materia e non si sente .... ma c’è!

martedì 14 giugno 2011

Innamorato



Il mare brillava in silenzio e in pace, azzurro fino all’infinito, io lo guardavo sazio, allungato all’indietro sulla sedia, ad occhi socchiusi,  gustando il caffè ...
Ci sono momenti a parte, momenti in cui si ha la sensazione di comprendere ogni cosa solo con un moto della mente e degli occhi, chè troppa fatica fa muovere una mano ... momenti di calma, tranquilla chiaroveggenza, di sonnolento equilibrio, di serena memoria. Ancora un poco ... e stiamo sognando ...
... e cosa rimane di questa felicità?



Un altro ricordo, una parentesi e la nostra vita continua e il nostro viaggio riprende.
Mi alzai all’improvviso e guardai l’orologio: le cinque!
Il tempo passa alla velocità che vuole. Pochi istanti possono durare anni ... e cosa resta di un’intera vita?
Un flash nella memoria.
Le cinque? ... le analogie ... le coincidenze, pensavo.
Ieri, a quest’ora, ero al pontile lì, a due passi ... e c’era lei ... Dove posso sperare di rivederla se non lì e proprio a quest’ora?
Lasciai un biglietto da cinquanta sotto il bicchiere e me ne andai in fretta. Avevo una fretta pazzesca, incontenibile, dovevo sapere subito. Il pontile era vicino e subito fui là.
Oggi però c’era della gente. Notai questo come un cattivo auspicio: questo spazio ieri era stato solo nostro e per questo era potuto accadere quell’incontro così personale, così privato e così importante.
Si ... questo era il posto ... e questa era l’ora, ma l’atmosfera no, era ben diversa ... qui lei non sarebbe venuta, qui fra la gente non poteva essere il suo posto. Lei era uscita dal mistero e dal silenzio, qui ieri il tempo si era fermato ... e ora, invece, sono le cinque e dieci, il tempo scorre e tutto cambia, la felicità passa ... l’amore si dimentica ... lei non c’è.
Appoggiato al parapetto guardavo il mare: ora era solo una distesa d’acqua vuota dove affondare la speranza e i sogni ... E chi c’era intorno a me? Gente, gente qualunque che parlava ad alta voce di detestabili stupidaggini ...
Si sopravvive malvolentieri alla delusione, non si può sopportare la risata sfrontata del mondo che ti grida – scemo! – perché sei innamorato.
Il mondo violenta l’amore e non concede spazio agli innamorati: li offende con il chiasso e la volgarità, ne svuota il sentimento con la banalità, e cancella ogni cosa con il tempo.

Tratto dal libro di Max Loy "Il viaggio"


Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi il tuo commento, grazie.